it | es
/  holidays  /  yo la reyna  /  dove abito io  /  le rose di jürgen  /  se non accade nulla / romeo & giulietta / se non sarà seren si rasserenerà
Romeo e Giulietta

di William Shakespeare
adattamento drammaturgico Giacomo Fanfani
regia Paolo Biribò e Marco Toloni
con Anna Collazzo, Fulvio Ferrati, Gabriele Giaffreda, Rosetta Ranaudo e Vittoria Sammuri
allestimento Silvia Avigo
costumi Antonio Musa
organizzazione Rafael Porras Montero
produzione Con-fusione
con il sostegno del Comune di Cavriglia

Succede, a volte, nelle città d'arte, di passare tutti i giorni davanti a una cattedrale o in una piazza storica. Lì, magari, ci fermiamo, all'improvviso, e scopriamo un dettaglio che ci fa dire “è come se fossi qui per la prima volta: che splendore!”. In teatro è identico, e vale per i classici. Chi non conosce ad esempio la storia di Romeo e Giulietta? E allora perché non tentare la ricerca di quel dettaglio che ce la mostri all'improvviso nuova? Proprio questa è l'intenzione e la spinta motrice del progetto di Con-fusione: semplificare al massimo, tentare la scissione dell'atomo drammaturgico, investigare il nocciolo della storia. Magari scoprendo la legge chimica che permise all'alchimista Shakespeare di creare poesia allo stato puro tra morte e vita, tra luce e ombra, fra la tragedia e il sorriso di due ragazzi.